analisi di rischio

Soil gas nell’analisi di rischio

Procedura SNPA per la valutazione e l’utilizzo dei dati soil gas nell’analisi di rischio dei siti contaminati.

E’ stata deliberata la Linea Guida n. 17/2018 del Consiglio SNPA (seduta del 3.10.2018) che riepiloga la Procedura operativa per la valutazione e l’utilizzo dei dati derivanti da misure di gas interstiziali nell’analisi di rischio dei siti contaminati.

Lo scopo del documento è definire una procedura operativa condivisa a livello nazionale per l’utilizzo dei dati derivanti da misure di soil gas all’interno dell’Analisi di Rischio (AdR) dei siti contaminati.  Tale procedura operativa si basa su un approccio graduale di valutazione dei dati nei gas interstiziali, in analogia a quanto indicato dai documenti USEPA (USEPA, 1996) e ASTM (ASTM, 2001), nonché dalla normativa di riferimento, D.Lgs. 152/06, Parte IV, Titolo V e s.m.i.

La Linea Guida è organizzata nelle seguenti quattro sezioni:

  1. Approccio graduale per la valutazione dei dati di soil gas nell’AdR;
  2. Criteri della definizione dei valori di riferimento nei gas del suolo;
  3. Criteri per la valutazione del rischio a partire dai dati soil gas;
  4. Criteri di valutazione delle indagini sui gas interstiziali.

I valori di riferimento soil gas del suolo riportati nella Linea Guida sono finalizzati alla valutazione del percorso di “volatilizzazione” all’interno dell’AdR dei siti contaminati, così come definita dall’Allegato 1 alla Parte IV, Titolo V del D.Lgs. 152/06 ed in conformità alle indicazioni tecniche del Manuale APAT (ora ISPRA) “Criteri metodologici per l’applicazione dell’analisi assoluta di rischio ai siti contaminati” del 2008 (APAT, 2008) e del Documento MATTM “Linee Guida per l’applicazione dell’Analisi di Rischio sito-specifica” del 2014 e successiva integrazione del 2015 (MATTM, 2014-2015).

Download (Linee_guida_SNPA_17_2018.pdf, Sconosciuto)


    Articoli correlati

    , , ,