Politica

Ecosurvey® è una società che opera nel settore delle scienze ambientali applicate all’esame, trattamento, decontaminazione di matrici ambientali: suolo, sottosuolo, sedimenti, acque sotterranee, scarichi idrici, emissioni in atmosfera, rifiuti, attraverso la propria politica conferma l’impegno al miglioramento continuo delle prestazioni aziendali nei propri processi, prodotti e servizi con una visione integrata della qualità e della tutela ambientale.

Politica integrata di qualità e ambiente :

  1. Assicurare la conformità e tempestiva comunicazione relativi a tutti le obblighi di conformità stipulati con autorità, clienti e tutte le parti interessate.
  2. Eseguire lavori di miglioramento continuo per garantire l’affidabilità, la riservatezza e la soddisfazione complessiva dei clienti in ciascuno dei nostri processi, prodotti e servizi.
  3. Coinvolgere e sensibilizzare il personale sulle problematiche ambientali, di qualità, di sicurezza e sull’importanza del contributo di ciascuno per il miglioramento delle condizioni di sicurezza ed organizzative del lavoro e dell’efficienza ambientale.
  4. Pianificare, applicare e monitorare le strategie ed attività con l’obiettivo di aumentare la performance ambientale incluso la prevenzione dell’inquinamento, l’uso sostenibile delle risorse finalizzata alla tutela dell’ambiente.
  5. Adottare un approccio del ciclo di vita, dove si dà priorità a prodotti e servizi con una vita utile più lunga e con materiali a basso impatto ambientale, sociale ed economico.
  6. Adottare un approccio risk-based per valutare e affrontare in maniera efficacie qualsiasi fattore che può interferire con il raggiungimento degli obiettivi pianificati.
  7. Promuovere il trasferimento tecnologico e condivisione delle Best Practice, pur rispettando pienamente i diritti di proprietà intellettuale, il trasferimento di tecnologia e di informazioni per migliorare aspetti quali l’affidabilità dell’approvvigionamento, l’efficienza dei processi produttivi e la stimolazione di nuovi mercati.
  8. Aumentare la soddisfazione dei clienti, tramite la fornitura di servizi qualificati e conformi ai requisiti specificati e mediante la trasparenza sui servizi offerti mediante la realizzazione di siti web riservati per i progetti di maggior interesse.
  9. Aumentare la soddisfazione del cliente operando con fornitori qualificati e certificati con gli standard internazionali compatibili, quando possibile, con il nostro SGA.

Bologna, 30 gennaio 2017

La Direzione

Per raggiungere gli obiettivi la Direzione si impegna a:

  • mettere a disposizione risorse adeguate, economiche/tecniche e personali/professionali affinché la politica sia compresa, attuata e sostenuta da tutti gli addetti;
  • dare l’autorità necessaria al Responsabile del Sistema di Gestione per garantire la corretta gestione del Sistema stesso affinché tutte le attività che hanno influenza sulla qualità e condizionano la soddisfazione dei Clienti determinando il successo dell’azienda, siano adeguatamente controllate;
  • verificare sistematicamente l’andamento degli indicatori in occasione dei reporting e riesaminare ad intervalli pianificati il Sistema di Gestione per assicurarsi della sua continua idoneità, adeguatezza ed efficacia;
  • evidenziare le carenze o gli andamenti non desiderati, identificare le cause ed avviare adeguate azioni correttive o azioni preventive in ottica di Miglioramento Continuo della qualità dei servizi offerti, delle condizioni di sicurezza degli addetti, di prevenzione di ogni forma di inquinamento, per la ricerca di soluzioni tecniche innovative anche per l’esame di responsabilità sociali, mettendo a disposizione le risorse adeguate e definendo tempi di attuazione e responsabilità.

Ecosurvey è membro di GIP Green Industry Platform UNIDO:

  • Migliorare l’efficienza delle risorse – L’uso sostenibile di materie prime rinnovabili e non rinnovabili può essere promosso da azioni, tra cui l’aumento della produttività materiale, la selezione dei materiali con una vita più lunga, la riduzione dell’uso di materiali vergini, il riciclo e il riutilizzo dei materiali, la conservazione dell’acqua ed il recupero e riciclaggio delle acque reflue.
  • Rafforzare la gestione dei rifiuti – L’identificazione, la riduzione e lo smaltimento dei rifiuti in modo responsabile, compresi i rifiuti pericolosi e rifiuti elettronici.
  • Ridurre ed eliminare materiali tossici – i rischi aziendali possono essere ridotti attraverso l’uso ridotto e l’eliminazione definitiva di materiali tossici come inquinanti organici persistenti (POP). Ciò può essere ottenuto mediante azioni quali evitare il loro uso nella progettazione dei prodotti e processi produttivi, evitando rilasci nell’ambiente e sostituendo i materiali tossici con prodotti più sicuri o alternative non chimiche.
  • Efficienza energetica ed energie rinnovabili – L’incremento dell’efficienza energetica e delle energie rinnovabili possono essere raggiunti attraverso azioni come la sostituzione dei combustibili fossili con fonti di energia rinnovabili, riduzione dell’intensità energetica nei processi produttivi e riducendo gli sprechi di energia.
  • Adottare un approccio del ciclo di vita per la fabbricazione di prodotti – I prodotti continuano ad avere un impatto sociale, economico e ambientale dopo la loro fabbricazione e vendita. Questo è il motivo per cui è importante che venga adottato un approccio del ciclo di vita. Incorporando il design intelligente, i prodotti possono avere una maggiore durata, richiedono meno risorse durante l’uso, sono più facili da riutilizzare o riciclare, e non causano o causano meno danni quando smaltiti.
  • Investire nelle tecnologie Green – L’espansione delle tecnologie del settore verde può essere accelerato da misure volte a promuovere gli investimenti nella ricerca, produzione e commercializzazione.
  • Promuovere il trasferimento tecnologico e condivisione delle Best Practice (BATNEC Best Available Technology Not Entailing Excessive Cost) – Le moderne tecnologie dell’informazione rendono la condivisione di informazioni veloce e più facile che mai, con un enorme potenziale per i benefici reciproci. Pur rispettando pienamente i diritti di proprietà intellettuale, il trasferimento di tecnologia e di informazioni sulle migliori pratiche può essere utilizzata lungo la catena del valore per migliorare aspetti quali l’affidabilità dell’approvvigionamento, l’efficienza dei processi produttivi, e la la stimolazione di nuovi mercati.
  • Green Global Value Chains – Le catene di valore possono avere impatti negativi sull’ambiente durante l’estrazione, produzione, trasformazione, trasporto, uso e smaltimento. La catena del valore può inoltre essere influenzata dal degrado ambientale, che può portare alla produttività ridotta ed all’aumento dei costi di produzione e di rischio. Greening della catena del valore, per esempio la riduzione delle emissioni e la promozione del cambiamento tecnico, può contribuire a raggiungere l’efficienza e gli obiettivi di produttività.
  • Sostenere la ricerca e l’innovazione – Nelle rivoluzioni tecnologiche nel corso della storia, la ricerca e l’innovazione hanno svolto un ruolo cruciale. Un ambiente positivo che consenta la ricerca e innovazione può essere creato da misure come promuovere l’istruzione per l’industria verde, stabilire ed espandere centri di apprendimento e di innovazione nazionali che riuniscono le autorità di regolamentazione, l’industria e il mondo accademico per esplorare come settori prioritari possono essere trasformati attraverso la ricerca, lo sviluppo tecnologico e la formazione.
  • Incoraggiare le industrie verdi – Le Industrie “verdi” hanno un enorme potenziale per la creazione di nuovi posti di lavoro nei settori in espansione manifatturiero e dei servizi. In combinazione con programmi di formazione e capacity building, e incentivi di mercato, vi è ampio spazio per l’inverdimento delle industrie esistenti e per la creazione di nuove imprese verdi. Questo può essere fatto, per esempio, costruendo sui successi di aziende che offrono progettazione e realizzazione di progetti di risparmio energetico, materiali e risparmio energetico, produzione di energia (energia rinnovabile), distribuzione (ad esempio, reti intelligenti), e l’ingegneria finanziaria, come oltre a fornire formazione imprenditoriale ed il sostegno alle reti di cluster.
  • Impostare Obiettivi Industriali “verdi” – Il target è uno strumento di gestione collaudato per sbloccare la creatività e migliorare le performance organizzative. Come parte di un piano di business globale, gli obiettivi del settore finanziario e verdi possono essere complementari, con conseguente riduzione dei costi operativi e rischi, e maggiore competitività. Esempi di obiettivi di industrie verdi comprendono, per specifici settori o tecnologie (es. energia), la riduzione di inquinanti specifici (ad esempio CO2), l’aumento dell’efficienza energetica, ed il passaggio a fonti energetiche rinnovabili.

United Nations Environment Programme
United Nations Industrial Development Organization

Bologna, 30 gennaio 2017

La Direzione