Protocollo Ecoreati

Protocollo Ecoreati Arpae, Procure e Forze di polizia

Protocollo Ecoreati sottoscritto il 18.05.2016 dal procuratore generale della Corte di appello di Bologna dott. De Francisci, il direttore generale di ARPAE dott. Bortone i rappresentanti delle nove Procure territoriali e i comandanti del NOE Carabinieri, Corpo forestale dello Stato e Capitaneria di porto è finalizzato a garantire l’omogenea applicazione su tutto il territorio regionale della normativa sugli ecoreati di cui alla legge 68/2015.Protocollo Ecoreati

La legge 22 maggio 2015 n. 68 ha introdotto nel codice dell’ambiente (d. l.vo 152/2006) la Parte sesta-bis intitolata alla disciplina sanzionatoria degli illeciti amministrativi e penali in materia di tutela ambientale. E’ un procedimento che vale ad estinguere alcune fattispecie di reati ambientali tramite l’adempimento delle prescrizioni impartite dall’organo accertatore e successivo pagamento in sede amministrativa di una somma pari a un quarto del massimo dell’ammenda stabilita per la contravvenzione (art. 318-quater). Il Protocollo Ecoreati chiarisce che l’ammissione alla procedura può avvenire se coesistono entrambe le due condizioni che seguono:

  1. che il reato sia una contravvenzione (sono esclusi i delitti);
  2. che l’illecito non abbia cagionato “danno o pericolo concreto e attuale di danno alle risorse ambientali, urbanistiche o paesaggistiche protette” (art. 318-bis c.p.).

Il Protocollo Ecoreati inoltre precisa che l’organo asserveratore di tutte le prescrizioni degli organi accentratori è l’ARPAE regionale che avrà cura di predisporre prescrizioni standard per ciascuna delle violazioni estinguibili ai sensi della Parte sesta-bis del codice dell’ambiente (d. l.vo 152/2006).

Download (Protocollo_Intesa_Reati_Ambientali.pdf, Sconosciuto)

Protocollo Ecoreati Arpae, Procure e Forze di polizia
3 (60%) 2 votes

Altri post di tuo interesse?

, , , , ,